Laboratorio di APRASSIA

Ovvero GUIDARE, FARE INSIEME E IMITARE:

Sono attivi laboratori di gruppo sull'aprassia composti ma massimo quattro soci che presentano difficoltà omogenee della durata di un’ora e mezza a settimana.

I laboratori sono gestiti da una psicologa laureata in Neuroscenze che, con l'aiuto e la collaborazione della volontaria fisioterapista, ha ideato una serie di esercizi finalizzati alla riabilitazione del deficit aprassico: la persona impara ad eseguire i gesti e i movimenti volontari, pianificare, organizzare, coordinare e sincronizzare le sequenze motorie sia semplici che complesse, con il supporto nei passaggi critici prefigurando come obiettivo l’implemento della competenza e dell'autonomia; vengono inoltre insegnate delle strategie per compensare il deficit durante l'esecuzione delle varie attività.

Le attività consistono nel far riconoscere alla persona il singolo movimento richiesto in determinate situazioni, stimolandolo attraverso diverse modalità percettive (propriocettiva, tattile, visiva, uditiva).

Con l'ausilio di filmati, fotografie o disegni, vengono svolti esercizi che implicano l'esplorazione e l'uso di un oggetto: si dirige l'attenzione della persona verso i dettagli significativi dell'oggetto rispetto alla sua funzione (rieducazione del gesto).

L'intervento propone, inoltre, tecniche di autocontrollo e tecniche di rilassamento muscolare finalizzate al controllo del movimento.

Il laboratorio è il luogo all’interno del quale le persone hanno la possibilità di riscoprire e recuperare le proprie abilità attraverso il confronto e l'aiuto reciproco e rappresenta pertanto una importante crescita e sviluppo delle potenzialità della persona. Gli interventi si sono dimostrati utili nel migliorare i tempi di esecuzione di alcune attività della vita quotidiana, potenziare la dimensione fisica, psicologica e sociale, ovvero il benessere complessivo del gruppo.